TIME IS RUNNING OUT 🔥 YOUR EXCLUSIVE HANDCRAFTED PHOTOLOGO® AT 60% di sconto | ERA $ 100 - ORA $ 39,99 SOLO | OFFERTA LIMITATA

Chatta con il fotografo Jordan Matter - Trova la tua voce unica

 

Fotografo di New York Jordan Matter ha raccontato storie della gente attraverso stupefacenti anni ormai. La sua carriera fotografica potrebbe essere iniziata più o meno per caso, ma da allora il suo successo non ha smesso di crescere.

Oltre alla sua giornata di lavoro come fotografo ritrattista, Matter riversa la sua infinita creatività in progetti fotografici che spingono i confini ed esplorano la bellezza grezza del corpo umano. I suoi libri fotografici più venduti del New York Times Ballerini tra noi e, più recentemente, Nato per ballare gli ha conquistato ampi consensi. I suoi progetti sono stati anche presenti nei principali media come il Today Show e la BBC.

Nel corso degli anni, il talento e le idee uniche di Matter gli hanno fatto guadagnare un seguito impressionante sui social media. Con oltre 1,6 milioni di abbonati, il suo Canale Youtube prospera. Il suo segreto? Emozionanti video dietro le quinte dei suoi servizi fotografici, tante sfide fotografiche che lo portano in tutto il mondo e video di workshop con suggerimenti e trucchi sul lavoro.

Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con la Matter nel suo viaggio verso il successo e i segreti della sua straordinaria fotografia. Continua a scorrere per leggere la nostra intervista esclusiva con Jordan Matter!



 

Photologo: come sei entrato nella fotografia? Non era sempre il tuo piano, vero?

Jordan Matter: La mia prima cosa è stata il baseball, all'università, e ho iniziato a recitare dopo. E poi un giorno ero sulla cima di una montagna cercando di capire come scattare una foto dell'orizzonte e non sapevo come farlo. Così ho deciso di fare un corso di fotografia per imparare come fare quella foto di paesaggio. Quando ho pensato alla fotografia ero molto preoccupato perché sapevo quanti fotografi ci sono là fuori. Qual è stata la possibilità di successo con qualcosa che così tante persone stanno già facendo? A volte nella mia vita ho ascoltato quella voce e poi in questo caso non l'ho fatto, per fortuna. Una volta che ho preso quella lezione, mi sono davvero innamorato.

P: Hai un seguito davvero impressionante sui social media. Come l'hai costruito?

J: Davvero lentamente, ad essere onesti! Quest'anno, 2018, probabilmente sono passato da 100.000 follower su Instagram a quasi un milione. Questo è molto, ma mi ci sono voluti 5 anni prima per salire a 100.000. E non sto facendo nulla di diverso! Non c'è salsa segreta, è solo che le persone hanno scoperto quello che stavo facendo, ma ci sono voluti un po 'per scoprirlo. Penso che molto abbia a che fare con i contenuti di YouTube. Una delle cose veramente interessanti dei social media è l'idea che il tuo processo sia interessante quanto le foto che fai. Trovare YouTube e trovare un modo per condividere questo processo con le persone ha davvero aiutato il loro apprezzamento delle mie foto.

 

P: Per qualcuno che ha appena iniziato, diresti che i social media sono uno strumento importante per investire tempo e risorse?

J: essenziale. Ma non è solo che se pubblichi le tue foto, qualcuno inizierà a seguirti. Penso che l'importante è che ti sfidi e che trovi una voce unica. La maggior parte delle volte le persone cercano di ricreare o copiare ciò che è già popolare, ma qualcun altro lo ha già fatto, quindi perché farlo? Quando ho iniziato a fare fotografia di danza, nessuno stava facendo fotografia di danza. Ho iniziato a mettere ballerini nelle situazioni quotidiane e a raccontare storie su di loro. Poi [c'era] la mia serie di video che portava le persone dietro le quinte della fotografia. Scattare una foto può essere noioso e trovare un modo per renderlo coinvolgente ed emozionante mi è servito davvero perché non era mai stato fatto prima. Questo è sicuramente l'elemento chiave: trovare qualcosa di unico che nessuno abbia mai fatto.

P: Diresti che raccontare una storia è più importante dell'aver grandi capacità tecniche?

J: Sì, sicuramente. In realtà non conosco molto anche gli aspetti tecnici. So solo quello che devo sapere per le foto che voglio prendere. Tutti quelli con cui lavoro come fotografo sanno sempre più sulle tecniche di me! Non credo che avere una conoscenza intima di tutte le cose tecniche sia essenziale per il successo. Penso che sia più importante avere una ragione per cui stai scattando le foto. Che cosa ti sta motivando a fare queste foto? Se sai cosa sia e rimani fedele a ciò, farai bene.

 

P: Dove trovi l'ispirazione per le tue foto e i tuoi contenuti?

J: Credo di provare a trasformare un negativo in positivo. Non sono molto bravo a pianificare le cose, quindi non posso guardare avanti e dire "ok, domani sto girando così e così, so cosa voglio fare". Invece, vado nella direzione opposta e sono molto molto spontaneo. Non ho idea di cosa farò finché non vedrò improvvisamente qualcosa. Sta accadendo tutto nel momento. L'ispirazione viene sempre da ciò che è giusto di fronte a me. Da ciò provo a costruire un'immagine che sia vera per la mia mente. L'ispirazione non finisce mai perché gli ambienti non finiscono mai. Ed è così che so che non mi ripeterò mai perché vado in posti diversi.

P: Hai qualche consiglio che vorresti dare a qualcuno che sta pensando di trasformare la loro passione per la fotografia in qualcosa di più che un hobby?

J: La prima cosa che vorrei dire è non anticipare te stesso e anticipare un grande successo sin dall'inizio. Finiresti per impostare la barra molto in alto e inevitabilmente finiresti per rimanere deluso. Il tuo obiettivo è quello di migliorare ogni giorno, se diventi un po 'meglio ogni giorno, alla fine diventerai un genio. Si tratta di vedere miglioramenti quotidiani nel tuo lavoro, non necessariamente nel numero di persone che lo seguono. Un grande esempio di ciò è Humans of New York. Per il primo anno [Brandon Stanton, autore del libro fotografico Humans of New York] stava girando e girando foto ogni giorno, e a nessuno importava. Ora tutti conoscono il suo lavoro perché non si è arreso. Quando stavo facendo il mio lavoro di danza, prima che a qualcuno importasse, dovevo ancora uscire e girarlo. Mi chiedevo perché lo stavo persino facendo. Ma per qualche ragione, l'ho bloccato. Se avessi smesso, ovviamente non parlerei nemmeno di adesso. Si tratta davvero di continuare a lavorare su qualcosa e dedicarsi ad esso.

Scopri di più sul lavoro di Jordan a:

www.jordanmatter.com/
instagram.com/jordanmatter/
youtube.com/user/jordanmatter
twitter.com/jordanmatter
facebook.com/JordanMatterPhotography